Chi Siamo

Full Team Stunt al completo

Il nostro team nasce dall’unione di 3 stuntman professionisti da diversi anni presenti nel panorama stunt italiano per offrire uno spettacolo completo e mozzafiato. Lo show è veramente unico nel suo genere grazie alla co-presenza di moto da strada, Harley Davidson, per la prima volta in Italia e quad a marce.

Conosciamo più da vicino il nostro team:

Dr.Spalanca – Simone VanniSimone Vanni - Dr Spalanca

 

 Dr. Spalanca, stuntman con quad Polaris Predator 500 a marce, stunt e speaker del team è lui ad “animare” lo spettacolo e a far divertire il pubblico coinvolgendolo nei trick. Famoso in Italia per la sua partecipazione come stuntman al programma televisivo “Scherzi a Parte” nel 2012 e per aver portato Maria De Filippi sul suo quad durante la sua esibizione ad “Italia’s Got Talent” assieme a DrifTony. In quell’occasione è riuscito a stampare una fantastica impennata a due con la De Filippi!

“Ho vissuto  nella capitale fino all’età di 7 anni, ossia fin quando i miei genitori non si sono trasferiti in Umbria, nella ridente cittadina di nome (buffo) Ficulle in provincia di Terni, a pochi km da Orvieto e dove sono cresciuto con la più completa libertà che si potesse chiedere e/o desiderare … per libertà ovviamente intendo quella di utilizzare qualsiasi cosa avesse delle ruote!
Esatto la mia malattia per i motori cresceva sempre più,  giorno dopo giorno e centimetro dopo centimetro! Dentro casa giravo quasi sempre con i pattini, per uscire di casa usavo sempre la bicicletta e considerando che per arrivare in paese dovevo fare almeno 2 km di salita al 18% vi assicuro che non era una cosa da niente!
Questo fino ai 10/11 anni, quando ho cominciato a vedere la possibilità di salire in sella a motorini (presi di nascosto ad amici e parenti) e a macchine (a 11 anni convinsi mia nonna che ero in grado di guidare una panda 4×4 nuova di zecca …. e me la fece anche guidare per 1 km). Da allora ogni giorno l’ho vissuto aspettando il momento di salire in sella a qualcosa di motorizzato, condividevo tutte queste manie con il mio carissimo e fraterno amico Luca (detto Cico, per il suo cognome) e nel frattempo portavo a spasso mio fratellino Alessio in carrozzina (lui ha 10 anni meno di me) in modalità rally, sono riuscito nel giro di 4 mesi a finire le gomme anche lì).
Ovviamente Alessio essendo praticamente nato a suon di sgommate ed impennate in carrozzina, non poteva uscire con interessi diversi, malato anche lui di motori fino al midollo!
Finalmente riesco a compiere i 14 anni, da li in poi è stato un tormento di motori  tale che nemmeno al Mugello durante le gare ne usano così tanti … impossibile raccontare tutto, ci vorrebbe un libro.
Nel  frattempo ho finito le scuole medie  e le superiori, in teoria mi sono diplomato come geometra, ma io non mi ci sono mai sentito effettivamente. Durante tutti gli anni delle superiori mentre “studiavo”  lavoravo presso un agriturismo vicino casa e cosi sono sempre riuscito a mantenere le mie passioni, macchine, moto etc..
Finite le superiori ho fatto carriera nel mondo pubblicitario, poi ho cambiato settore, portando tutti i miei interessi a lavoro!  Ho aperto una società di team building aziendale esperienziale, un’ attività volta alle aziende che voglio incentivare i propri dipendenti facendoli partecipare a gite fuoriporta complete di organizzazione attività ludiche/formative come corsi di guida sicura/4×4/quad, role play, caccia al tesoro e tanto altro!
In tutto ciò nel 2007 per caso comprai un quad a marce, un mezzo speciale, che nessuno dalle mie parti aveva..mi sono veramente innamorato di questo veicolo, ho cominciato a farci enduro, poi il primo viaggio nel deserto e poi la smania di fare, la curiosità di metterlo sempre al limite delle sue possibilità mi ha portato a fare delle acrobazie che piacevano tanto alle persone che mi guardavano.
Da lì decisi di fare degli spettacoli..cominciai a cercare un gruppo che mi potesse aiutare ed introdurre nel settore, ed ecco che lungo il cammino trovo Riccardo, Ferdinando e Matteo, tre ragazzi fantastici e genuini con i quali passo 3 anni bellissimi, pieni di successi in giro per le piazze d’Italia.
Poi nel 2012 per vari motivi, idee divergenti, lascio il gruppo e comincio a girare da solo, partecipando per lo più ad eventi di beneficenza, dove conosco Luca TSP e Driftony, con i quali vado subito in sintonia. Nel giro di poco ecco qua che creiamo la Full Team Stunt Show, un nuovo team pronto ad erogare adrenalina tonica da tutti i pori!

Da qui in poi potete seguirmi/seguirci nella varie piazze! Mi raccomando vi aspettiamo ;)!!

Luca TSP – Luca De LauretisLuca TSP – Luca De Lauretis

 

Luca Tsp, è famoso in Italia per aver progettato quasi tutte le moto da stunt in circolazione che infatti riportano il suo marchio. Ma non solo, Luca è anche l’unico in Italia ad effettuare trick (acrobazie) con le sue Harley Davidson, 2 XR 1200, una da drifting e l’altra le figure più complesse… da vedere!

“Fin da bambino ho sempre avuto un’ innata attrazione per qualsiasi oggetto avesse due ruote ed un motore. Mio padre e i miei zii,  motociclisti di vecchia scuola e appassionati di Harley Davidson non potevano esimersi dal portarmi con sé quando uscivano in moto altrimenti io scoppiavo in lacrime.
All’età di 10 anni ho avuto di nascosto il mio primo motorino che ho ottenuto barattando la mia bicicletta bmx. Da qui, iniziano le mie notti passate a truccare il motore con i pochi mezzi e attrezzature di cui disponevo.
Col passare del tempo, non facevo che cambiare motorini e la passione per le modifiche cominciava a prendere il sopravvento, cosi nel giro di qualche anno i miei si sono ritrovati il garage pieno di scooter smontati e  attrezzi da meccanico. Ero diventato cosi bravo che anche i miei amici mi portavano i loro motorini  per farli modificare e vista la mia grande passione per la guida, ho ovviamente fatto un giro per ogni mezzo che è entrato nel mio garage.
Questo finché all’età di 13 anni vidi un mio coetaneo passare davanti casa mia su una ruota, quella fu la cosa più incredibile che potessi immaginare, quel ragazzo era il mio idolo!
Cosi, preso dall’entusiasmo iniziai a provare anch’io ed in breve tempo diventai l’idolo dei miei amici e conoscenti. Non solo avevo imparato ad impennare, ma inventavo tantissime posizioni e mi esibivo davanti ad un pubblico di adolescenti gasatissimi. A quei tempi, internet non c’era e vedere certe acrobazie era una cosa del tutto fuori dall’ordinario. A 16 anni, presi il patentino e acquistai la mia prima moto stradale una splendida rs 125. A 18, feci il salto di cilindrata e passai ad un cbr 1000rr.
Nel frattempo, i miei lavoretti in garage diventavano dei veri e propri prototipi cosi, all’età di 28anni la mia grande passione divenne un vero e proprio lavoro con la nascita di TSP MOTO.
Nel giro di due anni, diventai il primo in Italia a confezionare moto preparate ad hoc per lo stunt riding e ancora oggi la maggior parte dei prototipi utilizzati in questo mondo, portano il marchio TSP.
Il mio battesimo da protagonista nel mondo stunt, è avvenuto a 30 anni.
Stufo di girare in moto la domenica e dover ogni volta rischiare di non fare più ritorno a casa decisi che dovevo sfogare la mia passione in un modo diverso: per mia grande gioia la cosa mi ha appassionato e nel giro di poco tempo sono diventato uno dei migliori rider italiani COn il CBR!!

Nel luglio del 2010 l’ultima mia sfida personale era quella di portare la disciplina dello stunt riding su una delle moto più prestigiose ed improponibili che siano mai esistite le Harley Davidson, forse motivato dal sogno di realizzare qualcosa di veramente unico nel suo genere differenziandomi dagli altri. Detto e fatto nel giro di un mese elaboro la mia prima harley un vero ed arduo esperimento: una sportster xr 1200 del 2010 gentilmente offerta dalla harley davidson di Pescara che ha creduto nel mio progetto. Poco tempo dopo ho cominciato a litigare con questi giocattoli ed ho realizzato il mio primo video … Un susseguirsi di esiti positivi mi ha portato a realizzare la seconda harley una sportster 1200 del 92 la mia più affezionata !!
Oggi io, Full Team e le mie Harley giriamo l’Italia e l’Europa per fare sempre più SHOW!”

DrifTony – Tony CovielloDrifTony – Tony Coviello

 

stuntman con moto da strada, Yamaha R6 e un ventaglio di trick non indifferenti tra circle, stoppies, impennate e salti.. si perché lui riesce a saltare con la sua moto, da vedere! Tony si diletta anche in pista insieme a Luca con le Yamaha R1 Driftrack, uno spettacolo assolutamente unico!
Tony Coviello in arte “Driftony”, un ragazzo semplice con la passione dei motori, sin da piccolo iniziava a fare le prime esperienze in bici bmx con salti ed impennate qua e là, poi il primo contatto con i motorini, il primo fu il ciao della mamma …. l’inizio della fine!
Da li in poi non ha dato più tregua a nessun mezzo, sia per andarci in giro che per quantità di modifiche, la curiosità lo mangiava,  smontava e rimontava qualsiasi cosa gli capitasse sottomano, cambiando colore, motori e pezzi di ogni genere. I suoi genitori, preoccupatissimi, non volevano assolutamente che Tony giocasse troppo con le moto… ma lui imperterrito e appassionato ovviamente…incontra Luca Tsp lungo il suo cammino con il quale inizia anche a costruire le moto da stuntman in Italia…. La prima moto da Stunt cbr 600 del 1997 da preparare …allora ebbe inizio la carriera di stunt rider,  solo dopo 4 mesi di allenamenti il primo spettacolo di una lunga serie….
Nel 2012 DrifTony si unisce a Full Team con la sua nuova moto, una Yamaha R6 continuando a migliorare le sue performance giorno dopo giorno, facendo strillare sempre più il suo 4 cilindri!

 Fil – Filippo FranchiFil – Filippo Franchi

 

 Fil, ultimo arrivato nel team, giovanissimo, soli 17 anni, una promessa del mondo Stunt Riding, presissimo dalla sua moto, una Kawasaki 636 del 2005, non ha occhi che per lei e grazie a lei, ma non solo,  si sta facendo largo alla velocità della luce!

 “Ho 18 anni di Bevagna un piccolo paesino di 5000 abitanti situato al centro dell’ Umbria. Appassionato di moto da quando mi ricordo di essere al mondo, a 14 anni, dopo anni passati a sognare di possederne una il sogno si è avverato e i miei genitori dopo il conseguimento del patentino mi hanno comprato un HM 50, che inizialmente utilizzavo come un banale mezzo di trasporto ma dopo poco ho capito che non era finita lì….
Nel 2012, dopo un anno di noioso utilizzo stradale, un bel giorno navigando in internet mi accorsi di un ragazzo con la mia stessa moto che faceva delle impennate incredibili senza spiegarmi come riuscisse a farlo, preso dalla curiosità mi infilai il casco, indossai il para schiena e andai nel primo piazzale che mi capitò sotto le ruote. Dopo qualche prova, inevitabile arrivò il primo ribaltamento all’ indietro. Fu così che nacque tutto.
Con i risparmi e l’aiuto della mia famiglia sono riuscito a mettere su un mezzo che poi mi ha accompagnato nella stagione 2013 e 2014. Marzo 2013 i primi risultati e dopo solo 3 mesi a giugno 2013 venni ingaggiato per il mio primo “stunt show” se così vogliamo chiamarlo.
Dopo un’estate ricca di spettacoli ed eventi  fui chiamato da Simone Vanni team manager del FULL TEAM STUNT SHOW uno dei principali stunt team italiani di cui ora faccio parte, anche se ormai più che team è diventato la mia seconda famiglia, con loro ho passato i migliori momenti della mia vita e li ringrazio di avermi dato la possibilità di realizzare il mio sogno, quello di vivere nel mondo delle moto.
Oggi oltre a fare acrobazie in moto per le piazze europee lavoro nell’azienda vitivinicola  di mia madre e mio zio dove con passione sto imparando a fare dell’ottimo vino. Come hanno fatto i miei nonni, mia mamma e mio zio da 40 anni a questa parte. Lo Stuntriding, questa bellissima disciplina mi ha dato modo di conoscere tantissime splendide persone in ogni parte di Italia, ma  soprattutto mi ha fatto capire chi sono veramente”.